.:: Confraternita Ex allievi ::.

Uso dei cookies su www.confraternitaliceo.it

Cosa sono i cookies?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet.

Per ordinare prodotti su www.confraternitaliceo.it, è necessario che i cookies siano abilitati. Se non vuoi  accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella  maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati, in calce troverai le informazioni necessarie per modificare le impostazioni dei cookies sul tuo browser.

I cookies non sono dannosi per il tuo device. Nei cookies che generiamo, non conserviamo informazioni identificative personali quali ad esempio dettagli sulle carte di credito, ma usiamo informazioni criptate raccolte dagli stessi per migliorare la vostra permanenza sul sito. Per esempio, sono utili per identificare e risolvere errori, oppure per determinare prodotti correlati rilevanti da mostrare al visitatore durante la navigazione.

Ulteriori informazioni sui cookies le trovi sui siti : www.allaboutcookies.org e www.youronlinechoices.eu.

I cookies possono svolgere diverse funzioni, come ad esempio permettervi di navigare fra le varie pagine in modo efficiente, ricordando le vostre preferenze, e in generale possono migliorare la permanenza dell’utente.

Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia si riserva il diritto di utilizzare i cookies, con il consenso dell’utente ove la legge o i regolamenti applicabili così stabiliscano, per facilitare la  navigazione su questo sito e personalizzare le informazioni che appariranno. Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia si riserva inoltre il diritto di usare sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti del sito, quali ad esempio indirizzo  IP, tipo di browser internet e sistema operativo utilizzato e/o pagine web visitate da un utente, per finalità statistiche o di sicurezza. Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia potrà raccogliere queste informazioni per tracciare l’utilizzo del sito e migliorarne determinati aspetti.

Di seguito vene riportata una breve illustrazione di come Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia utilizza i cookies e strumenti simili.

 

Cookies di navigazione

Questi cookies sono fondamentali per permettervi di muovervi all’interno del sito e per usare le sue funzionalità, quali ad esempio accedere alle aree riservate del sito internet. Senza questi cookies non possono essere forniti i servizi richiesti, come ad esempio il carrello acquisti o l’e-billing.

I cookies strettamente necessari sono utilizzati per memorizzare un identificatore univoco al fine di gestire e identificare l’utente in quanto unico rispetto agli altri utenti che in quel momento stanno visitando il sito, in modo da fornire all’utente un servizio coerente e preciso.

Alcuni esempi comprendono:

• Il ricordo di precedenti azioni (per esempio testo inserito) durante la navigazione a ritroso verso una pagina nella medesima sessione;

• Gestione e passaggio di token di sicurezza a differenti servizi all’interno di un sito internet per identificare lo status del visitatore (per esempio, registrato o non registrato);

• Mantenimento dei token per l’implementazione di aree riservate del sito internet;

• Instradamento dei  clienti verso specifiche versioni/applicazioni di un servizio, come potrebbe rendersi necessario durante una migrazione tecnica.;

 

Performance cookies

Questi cookies posso essere Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia o di partner, di sessione o persistenti, e il loro utilizzo è limitato alla performance e al miglioramento del sito internet.  Questi cookies raccolgono informazioni su come un visitatore usa il sito, quali ad esempio le pagine visitate.  Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l’utente.  Tutte le informazioni raccolte da questi cookies sono aggregate in forma anonima e sono utilizzate solo per migliorare la funzionalità del sito.

 

 

Alcuni esempi comprendono:

• Web Analytics, i dati raccolti sono limitati solamente all’utilizzo del sito internet da parte dell’operatore, per gestire la  performance e la struttura del sito.  Questi cookies possono essere cookies di parte terza, ma le informazioni saranno usate esclusivamente da chi si occupa della pubblicazione del sito internet visitato;

• Gestione degli errori — Misurazione degli errori che si presentano sul sito, solitamente questa funzione supporterà il miglioramento dei servizi o la gestione dei reclami e sarà generalmente strettamente legata all’analitica web;

• Testare differenti strutture delle pagine del sito — Test sulle variazioni della struttura, usando solitamente test  A/B o multivariabili, per assicurare che nelle sessioni correnti e successive venga conservato un aspetto coerente per l’utente del sito.

 

Cookies funzionali

Questi cookies possono essere di Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia o di partner, avere durata di sessione o persistenti. Questi cookies solitamente sono conseguenti ad un’azione dell’utente, ma possono essere implementati anche nella fornitura di un servizio non esplicitamente richiesto ma offerto all’utente. Possono essere utilizzati anche per evitare che si offra di nuovo a quel dato utente un servizio in precedenza offerto e rifiutato. Inoltre, questi  cookies permettono ai sito di ricordare le scelte dell’utente (quali ad esempio nome utente, lingua, paese di origine, etc...).  Le informazioni raccolte da questi cookies sono anonime e non possono tracciare il comportamento dell’utente su altri siti.

Alcuni esempi comprendono:

• ricordare le impostazioni che un utente ha applicato a un sito internet quali ad esempio  layout, dimensione del font, preferenze, colore etc;

• ricordare una scelta di modo che non venga più richiesta la compilazione di un questionario.

• rilevare se un servizio è già stato offerto, quale ad esempio offerta di un tutorial per visite successive del sito internet;

• Fornire informazioni in modo da permettere il funzionamento di un servizio opzionale quale ad esempio l’offerta di una sessione in live chat.

• Adempimento di una richiesta dell’utente quale ad esempio presentazione di un commento.

 

Cookie di terze parti per marketing/retargeting

Questi cookie sono utilizzati da partner di Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia, al fine di presentarti dei banner pubblicitari di Confraternita Ex allievi Liceo Scientifico G. Ferrari Borgosesia quando ti trovi in altri siti, mostrandoti gli ultimi prodotti che hai guardato su www.confraternitaliceo.it . Mentre navighi su www.confraternitaliceo.it , questi cookie sono utilizzati anche per mostrarti prodotti che potrebbero interessarti o simili a quelli che hai guardato in precedenza, basandosi sulla tua cronologia di navigazione. L'uso di questi cookie non implica il trattamento di dati personali, ma può permettere la connessione al tuo computer o ad altri dispositivi e rintracciare i dati salvati: questi cookie si connettono al browser installato sul tuo computer o su altri dispositivi utilizzati durante la navigazione sul nostro sito.

 

Come posso disabilitare i cookies?

La maggior parte dei browser accettano i cookies automaticamente, ma potete anche scegliere di non accettarli. Si consiglia di non disabilitare questa funzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all’altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito.

Se non desiderate che il vostro computer riceva e memorizzi cookies, potete modificare le impostazioni di sicurezza del vostro browser (Internet Explorer, Google Chrome, Safari etc.). In ogni caso, si noti che determinate parti del nostro  Sito possono essere utilizzate nella loro pienezza solo se il vostro  browser accetta i cookies; in caso contrario, non sarete in grado di aggiungere prodotti al vostro carrello ed acquistarli (per esempio). Di conseguenza, la vostra scelta di rimuovere e non accettare cookies potrà influenzare negativamente la vostra permanenza sul nostro Sito.

Se desiderate modificare le impostazioni dei vostri cookies, entrando nelle impostazioni dei vari browser, di seguito si riportano brevi istruzioni su come effettuare questa operazione nei quattro browser più diffusi:

Microsoft Internet Explorer

Cliccare l’icona 'Strumenti' nell’angolo in alto a destra e selezionare 'Opzioni internet'. Nella finestra pop up selezionare  'Privacy'. Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookies.

Google Chrome

Cliccare la chiave inglese nell’angolo  in alto a destra e selezionare  'Impostazioni'. A questo punto selezionare 'Mostra impostazioni avanzate’ (“Under the hood'”) e cambiare le impostazioni della 'Privacy'.

Mozilla Firefox

Dal menu a tendina nell’angolo in alto a sinistra selezionare 'Opzioni'. Nella finestra di pop up selezionare  'Privacy'. Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookies.

Safari

Dal menu di impostazione a tendina nell’angolo in alto a destra selezionare  'Preferenze'. Selezionare  'Sicurezza' e  qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookies.

Per saperne di più riguardo ai cookie e come gestire o disabilitare quelli di terze parti o di marketing/retargeting, visita www.youronlinechoices.com.

Per disabilitare i cookie analitici e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla tua navigazione, puoi scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

2015

“Eppure non riesco a pensare una volta alla morte senza tremare a quest’idea: verrà la morte necessariamente, per cause ordinarie, preparata da tutta una vita, infallibile tant’è vero che sarà avvenuta. Sarà un fatto naturale come il cadere d’una pioggia”. (Cesare Pavese)

Sabato 28 marzo a Faenza è mancato il Professor Franco Mollia: la figlia Michela lo ha comunicato agli Amici valsesiani e in Biblioteca a Varallo, dove è stata depositata una parte consistente della sua biblioteca personale, circa un migliaio di volumi, ritirati nel 2008 a Russi (Ravenna) dal Dottor Carlo Rastelli, inventariati, catalogati ed inseriti nelle raccolte, non come Fondo Bibliografico a parte, ma, secondo la volontà manifestata dal Professor Mollia, che aveva ritenuto che la sua fosse la Biblioteca di uno studioso di letteratura e storia, amante delle lettere classiche (Ricordiamo la famosa Antologia virgiliana, curata per l’editore Sansoni e uscita nel 1967) e non avesse alcuna caratteristica tale da ritenere necessario il mantenerla in un Fondo unico: “Preferisco che i miei libri si incontrino per caso, servano a qualcuno”.

Franco Mollia era nato a Nettuno vicino a Roma il 23 novembre del 1923, a tre mesi fu portato a Borgosesia, poiché suo padre Giuseppe, era di Foresto. Si laureò all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in Lettere nel settembre del 1947 e subito fu prescelto dai Padri Dottrinari, presso i quali aveva frequentato il Liceo Classico a Varallo, a guidare il gruppo degli otto “pionieri”, della prima classe del Liceo Scientifico Parificato "G. Marconi" di Borgosesia: Riccardo Minoli, Piero Crolla Gianolio, Sandro Ambricco, Vittorio Defabiani, Gianni Biglia, Pier Giorgio Buccelloni, Nini Poci, Anna Cappellaro.
Da quella prima classe di “apripista” che si trovò ad affrontare: “L’ansiosa, sofferta ascesa verso il riconoscimento legale, e che di anno in anno, per cinque durissimi anni, affrontò esami ed ispezioni ministeriali severe”, si sviluppò una scuola di rilevante interesse per la Valsesia e la Valsessera, che si distinse per il suo livello, e dalla quale uscirono imprenditori, insegnanti, medici, chimici, biologi, architetti, uomini politici.
Il Liceo divenne Statale nel 1960 come ricordato nel volume pubblicato dalla Tipolitografia di Borgosesia di Riccardo Minoli nel 1990: “30 anni di scuola e di vita”, cui diede il suo apporto anche Franco Mollia: “Vivat, crescat, floreat”. Franco Mollia insegnò a Borgosesia fino al 1954, e fu molto apprezzato per la sua intelligenza e le sue capacità di insegnante, ma soprattutto fu amato dai suoi allievi, che oggi lo ricordano con riconoscenza ed affetto.

Negli anni successivi si allontanò dalla Valsesia e fu Professore Ordinario di lettere italiane e latine nei licei, proseguendo la carriera di insegnante in cattedre importanti, in Italia e all’estero, in Irlanda in particolare. Insegnò anche all’Università di Urbino, divenne preside al Liceo Classico di Ravenna, di Pesaro e al Liceo Scientifico di Rimini.
Sposato con la varallese Anna Ronca, mancata il 20 dicembre del 2007 a Russi (Ravenna), Franco Mollia ebbe un’unica e amatissima figlia: Michela, docente di Musica e di Psicoacustica al Conservatorio di Ferrara e oggi al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, esperta di rose ed autrice di alcune delle più importanti pubblicazioni in materia.

Risulta difficile riassumere in un curriculum la personalità ricca e complessa di Franco Mollia, perché non sarebbe assolutamente esaustivo del suo lavoro di didatta, critico, studioso di poesia e letteratura classica italiana e straniera. Ha scritto e curato molti testi, dei quali la maggior parte dedicati alla scuola, cui ha dedicato energie e passione, mentre altri sono di presentazione di autori o di correnti di pensiero. La famosa collana editoriale Il Castoro, edita dalla Nuova Italia, innovativa per i tempi in cui è uscita, che comprende centinaia di monografie d'autori italiani, é stata una sua ideazione. Si è impegnato in saggi letterari - alcuni dei quali di notevole respiro - apparsi in libri e riviste: non costrinse mai il proprio studio entro schemi aprioristici di poetiche astratte. Delineò ed approfondì con grande ricchezza di indicazioni critiche tutti gli aspetti dell'opera di Cesare Pavese (diarista, narratore e poeta): nel 1961, per la prima volta venne affrontato da lui l'esame dell'opus pavesiano, con l'intento di cogliervi la completa problematicità del dramma esistenziale e culturale del grande scrittore. Molti studi dedicati ad autori italiani, tra i quali ricordiamo l’amica scrittrice Gina Lagorio, furono pubblicati presso la casa editrice Longo di Ravenna: l’amicizia con questo editore marcò un fertile e duraturo sodalizio. Franco Mollia pubblicò anche molti articoli e recensioni su Il lettore di provincia, Testi, ricerca, critica, rivista trimestrale di Longo Editore, uno degli ultimi fu: “Scuole per la morte” un’ampia recensione-riflessione filosofica sull’atteggiamento della società di fronte alla morte, dall’epoca barocca al declino della cultura illuministica. La morte viene definita: “La prima conquista intellettuale dell’Homo Sapiens”.

Nel 1999 Franco tornò ad abitare per alcuni anni a Varallo, nella casa in Via Mastallone, affacciata sul torrente omonimo, si iscrisse come lettore alla biblioteca. Modesto e riservato si palesava semplicemente come pensionato, ma emergeva con forza la sua intelligenza critica. Fece parte del Consiglio di Biblioteca e i suoi consigli arricchirono il mio operare per la Comunità varallese, la sua mitezza era esemplare e la sua amicizia fu un dono prezioso. Ebbimo occasione di collaborare scrivendo uno studio sulla Manifattura Lane di Borgosesia, pubblicato nel 2002 nel volume degli Atti del Convegno, Franco si appassionò a quella ricerca perché lo faceva ritornare alla sua prima infanzia: “Le diramazioni più o meno segrete, verso il Sesia, il Teatro Sociale, verso Piazza Frascotti e municipio, verso Manifattura e adiacenze, la M.L.B. con il mio orologio all’ingresso della fabbrica e le sue figure commoventi nel tempo e con il ricordo di Via Fra Dolcino, da cui sentivo il corno che suonava e scandiva la giornata lavorativa, e sopra il cielo dei sogni, delle delusioni e del risveglio alla realtà”.

Franco Mollia anche dopo essere tornato a Ravenna prima e a Russi dopo, per alcuni anni intrattenne una costante corrispondenza con gli amici valsesiani, che in parte è stata depositata presso la Biblioteca perché la sua ricchezza e profondità vanno ben oltre l’aspetto contingente della comunicazione personale, trasformandola in un Epistolario morale: “La memoria è labile e difettosa, ma il “ricordo” rappresenta una nostra identità vera e, forse, autentica ma irrinunciabile perché fa parte della nostra povera vita storica (quotidiana) che è l’unica testimonianza di essere stati qui con voi nel tempo e nello spazio a noi concesso: e scusa il momento sentimentale che in qualche modo ci unisce e certifica la nostra presenza nel tempo”.
Umanità, cultura e intelligenza sono state concretizzate in una lucidità di pensiero e di scrittura: “Anche in queste interminabili uggiose giornate della risacca dove affonderà la riviera adriatica, mi saliva la speranza di tornare a veder l’azzurra visione del Monte Rosa, anche da lontano…”.
Noi che l’abbiamo conosciuto ed amato siamo certi che il suo sguardo così affettuoso ed intenso si tornerà a posare su questa terra e lo ritroveremo nei giorni a venire e in sua figlia che mantiene legami con la Valsesia.

.:: Confraternita Ex allievi ::.

username

password

Hai dimenticato la password?